rapsody_caro_original_46431

keepyoureyeson | Rapsody

Published On 6 ottobre 2017 | By redazione | keep your eyes on, News

Negli ultimi dodici mesi accanto al suo nome sono comparse di frequente le etichette “breakthrough” e “rising star”. Piuttosto insolito per un’artista classe 1983, in questo universo – quello dell’hip hop – che genera fenomeni in grado di stare al primo posto nelle classifiche virali quando ancora non hanno l’età per guidare una macchina.

 

“I make music for the people of the culture we’re in; that comes first. If you touch the people first, the rest just falls into place. That’s what it means to me, just preserving and respecting the culture.” (Rapsody)

 

Lei, Marlanna Evans dal North Carolina, dimostra che il talento certe volte vale meno di quelle caratteristiche empiriche secondo le quali si costruiscono le star a tavolino. Le sue collaborazioni con Kendrick Lamar, 9th Wonder, Mac Miller, Raekwon l’hanno rapidamente avvicinata al signor Jay-Z , che l’ha fatta firmare per la sua scuderia Roc Nation.

Qui un saggio delle sue capacità dal vivo ai Tiny Desk

Lo scorso 22 settembre è uscito il suo secondo album, che segue al debutto indipendente del 2012. Si chiama Laila’s Wisdom e al suo interno c’è un parterre di collaboratori da farti venire le vertigini: Anderson Paak, Musiq Soulchild, Terrace Martin, lo stesso Kenrdick Lamar. C’è anche un certo Busta Rhymes, che si è sbilanciato sul disco parlandone così:

 

“the best album I’ve heard not only from a female MC but in Hip hop period as well that I’ve personally had a chance to hear from top to bottom in it’s entirety that I’ve probably in the last 10yrs” (Busta Rhymes)

 

Comments

comments

Like this Article? Share it!

About The Author

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>